Chi Sono

Fisioterapista a Roma

Il mio desiderio di diventare fisioterapista è nato in seguito ad un incidente in moto avuto alla fine degli anni ’80. In quella circostanza dottori, infermieri e terapisti hanno svolto un ruolo assolutamente fondamentale per la mia guarigione psico-fisica. Questa prova d’amore e di dedizione professionale mi ha fatto poi riflettere su quanto è importante aiutare gli altri, prendendo così la decisione d’impegnarmi in prima persona.

Le mie prime importanti esperienze sono state maturate durante una decina di tappe del campionato di MotoGP e del campionato SBK, usando, da precursore in Italia, la Tecar terapia su spalle, caviglie e ginocchia di piloti caduti a oltre 250 km/h e che necessitavano per questo di cure specifiche.
In particolare i miei primi pazienti sono stati, tra gli altri, il pluri campione del mondo Valentino Rossi, , Max Biaggi, Marco Melandri, Alex Gramigni, Troy Bayliss, Andrea Dovizioso, Loris Capirossi, Luca Cadalora, Kevin Schwantz, Stefano Perugini, Doriano Romboni e Marco Simoncelli (a cui dedico un ricordo speciale).

Altri importanti pazienti che si sono affidati alle mie cure sono Alessandro Del Piero nel mondo del calcio, l’indimenticabile Alberto Tomba nello sci ed il giornalista Osvaldo Bevilacqua, oltre a un grandissimo numero di giocatori praticanti rugby e scherma femminile a livello agonistico nazionale.

La mia caratteristica principale è il voler rendere partecipe il paziente, spiegando ciò che viene sviluppato, facendo altresì comprendere il ruolo delle terapie. Nella maggior parte dei casi cerco di ricreare un piccolo studio medico a domicilio personalizzando le terapie.
La propria abitazione è infatti
“…il luogo migliore per sentirsi a proprio agio…”.

Esperienze di Fisioterapia

Le mie esperienze di questi anni in ambienti sempre molto differenti tra loro ( puramente medici, oppure sportivi, oppure di medicina estetica), mi hanno portato a conoscere realtà con peculiarità inimmaginabili .
Quindi ho dimostrato di essere una persona adattabile: posso essere Fisio/Trainer di un atleta del campionato del mondo di full contact, o della nazionale di nuoto, piuttosto che lavorare con gli anziani e le loro problematiche, mantenendo però il solo “scopo” che mi fa fare questo lavoro e non altri.
La mia Mission “la migliore salute/prestazione possibile del mio cliente”.
Dopo anni di associazionismo e lotta per il nostro diritto all’albo  professionale, convegni su convegni e progetti di apertura di centri di fisioterapia all’estero, ora i contatti con l’università di Tirana (Albania), sono maturi e si parla di una mia Docenza Universitaria in materia di F.K.T. psicomotricità, scienza e movimento.